Hope on the Line

Στο Νήμα

Regia:
  • Alexandre Papanicolaou
  • Emilie Yannoukou
  • Francia
  • Grecia
- 2014 - 73'
Lingua: Greco e inglese - Sottotitoli: Italiani
Anteprima: Italiana

SINOSSI

Un anno con Alexis Tsipras, presidente del movimento greco Syriza, dalla decisiva campagna per le elezioni del 2012 fino all’oscuramento del canale radiotelevisivo pubblico ERT nel giugno 2013, per conoscere la sua personalità, la sua visione e le sue ambizioni. Il film documenta anche l’attività del partito dietro le quinte e le riunioni in Grecia e all’estero: tra il leader e i membri del direttivo di Syriza si stabiliscono strategie, si definisce la linea politica, si immagina timidamente un altro possibile futuro per il paese, mentre è in gioco il ruolo della Grecia in Europa e il suo stesso destino.

Festival:
  • Thessaloniki Documentary Festival

LINK

Sito ufficiale

Pagina Facebook


DICHIARAZIONE DEL REGISTA

«La Grecia è diventata un caso, un paese in cui un partito radicale, Syriza, rischia di diventare di governo nei prossimi anni, con un impatto diretto sulla politica degli altri paesi europei. Alexis Tsipras era una figura fino a poco tempo fa ambigua e poco nota, che ora ha la possibilità di diventare il prossimo primo ministro greco. Fa politica da diversi anni, e grazie alla discreta esperienza per la sua età è stato in grado di conquistare il sostegno di tanti elettori delusi dai vecchi partiti. Il nostro film intende mostrare la trasformazione di Syriza a partire dai mesi precedenti le elezioni del giugno 2012, e seguire gli avvenimenti interni al partito. Durante la campagna elettorale abbiamo visto emergere il giovane e carismatico Tsipras, diventato una vera insidia per i suoi oppositori, anche se il dibattito sull'Euro lo ha portato infine alla sconfitta. Lo scopo del documentario è raccontare una figura politica emergente, identificare e capire meglio le sue intenzioni, e soprattutto il modo in cui insieme al partito affronta le decisioni cruciali, in un momento storico. Abbiamo anche cercato di offrire un accesso al confronto tra visioni politiche che avviene nelle discussioni a porte chiuse, mostrando come queste idee evolvono fino al punto in cui Tsipras le presenta, influenzando l'opinione pubblica e diventando il simbolo dell'opposizione al piano di salvataggio imposto dall'Europa. Lo abbiamo seguito da vicino durante e dopo la campagna, ascoltando i suoi discorsi, incontrando i suoi amici, familiari e colleghi, ma anche documentando il suo rapporto diretto con gli elettori. Inoltre volevamo prenderci il tempo per filmare il “non-evento”, fare un passo indietro rispetto al caos della politica per fare attenzione a un gesto, un oggetto o un momento di silenzio. Uno dei nostri principi era utilizzare una certa distanza per meglio rendere l'atmosfera di questi tempi e la figura politica di Tsipras, nella prima parte seguendo il corso degli eventi come in una cronaca, per poi gradualmente rivelarne la personalità in un ritratto che tenta di unire le sue tante sfaccettature». Alexandre Papanicolaou e Emilie Yannoukou

IMMAGINI

X