War Don Don

Regia:
  • Rebecca Richman Cohen
  • Stati Uniti
- 2010 - 85'
Lingua: Inglese - Sottotitoli: Italiani
Anteprima: Italiana

SINOSSI

L’ex comandante Issa Sesay aspetta il suo processo nella sede del tribunale speciale internazionale per la Sierra Leone. Per l’accusa è responsabile di crimini contro l’umanità: arruolamento di bambini, mutilazioni, stupri, genocidio. I suoi difensori sostengono invece che ha saputo proteggere i civili e giocare un ruolo decisivo nel processo di pace. Con accesso senza precedenti alle testimonianze degli avvocati, delle vittime e dello stesso Sesay, War Don Don (“La guerra è finita” in lingua Krio) espone e mette “sotto processo” il sistema della giustizia internazionale: può la condanna di un uomo chiudere i conti con il passato traumatico di un’intera nazione?

Festival:
  • Full Frame
  • Human Rights Watch London
  • AFI Silverdocs
  • DokuFest
  • Festival do Rio

LINK

Sito ufficiale

Pagina Facebook


DICHIARAZIONE DEL REGISTA

Nell'estate 2006 sedevo tra gli osservatori nel Tribunale Speciale per la Sierra Leone, il primo tribunale "ibrido" per i crimini di guerra, creato dalle Nazioni Unite insieme al governo locale. Ero lì come studente di legge e praticante, e malgrado fossi stata assegnata a un caso diverso, fui sempre più coinvolta dal processo a Issa Sesay, ex leader del movimento ribelle Revolutionary United Front, accusato di crimini contro l'umanità ma anche figura chiave nei negoziati di pace. Ero incuriosita dai ruoli diversi che aveva assunto attraverso il conflitto, e mi convinsi che la vicenda del suo processo doveva raggiungere un pubblico più ampio. Unendo la mia esperienza legale a quella da regista, ho pensato che con un film documentario avrei potuto raccontare la complessità dell'ascesa e caduta di Sesay. Nel corso del 2010 quello per la Sierra Leone diventerà il primo tribunale per crimini di guerra a concludere i suoi lavori dai tempi del Processo di Norimberga. Questo momento storico è anche un richiamo al dialogo e all'analisi critica. Spero che War Don Don offra un punto di vista privilegiato sulle complesse questioni morali, politiche e legali suscitate dalla riconciliazione di paesi rimasti senza legge e dilaniati dalla guerra, e possa ispirare un dibattito serio sul futuro della giustizia penale internazionale.

IMMAGINI

X